Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Gio, 23/02/2017 - 21:25
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > "A Fiuggi abbiamo ritrovato il piacere di fare politica"

Interventi e commenti Basilicata

POLITICA

"A Fiuggi abbiamo ritrovato il piacere di fare politica"

Sinisi (FdI): "Un partito a forte vocazione giovanile, dove ognuno può dire la sua"

di Redazione Basilicata24

Un momento del congresso di Fiuggi Un momento del congresso di Fiuggi

Il piacere ritrovato di fare politica, con la certezza di essere dalla parte giusta: la due giorni di Fiuggi, dove nello scorso week end si è celebrato il primo congresso di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, lascia a me e a tutta la delegazione lucana questa piacevolissima sensazione. 6 mila persone provenienti da tutta Italia, di cui 3000 circa i delegati eletti, per la priva volta nella storia del centrodestra italiano attraverso il meccanismo delle primarie, hanno riempito di passione il centro laziale. Tantissimi i giovani, tante le donne: mentre il Parlamento ancora una volta offre un triste spettacolo, accapigliandosi sull’ennesima norma a favore delle “quote rosa”, che tratta le donne come panda a rischio estinzione, Fdi-An elegge a presidente nazionale una donna che ha guadagnato con la militanza sul campo la leadership: Giorgia Meloni. Ma sono state anche la giornate del ritorno dello storico simbolo di Alleanza Nazionale che accompagnerà quello di Fratelli d’Italia: nessuna nostalgia e nessun torcicollo, ma solo la volontà di coniugare l’innovazione e il coraggio di Fratelli d’Italia con la storia e la tradizione della destra italiana e di An, negli ultimi anni troppo spesso bistrattata. L’immagine che esce è quella di un partito a forte vocazione giovanile, dove non c’è bisogno di correnti o recinti per ritagliarsi un ruolo, ma dove tutti potranno dire la loro e il consenso sarà l’unico strumento per decidere gerarchie e postazioni: in tal senso, entro un anno, anche il movimento giovanile celebrerà i suoi congressi. La destra italiana riprende un cammino rallentato negli ultimi anni, ma mai interrotto, con messaggi chiari e forti a tutto l’elettorato italiano, gridati con coraggio e non bisbigliati con i tanti “se” e i tanti “ma” tipici di una classe politica incapace ormai di decidere. E allora, in vista delle imminenti elezioni europee, Fdi-An si pone fuori dal PPE: un movimento che vede tra le sue fila la Merkel, la quale ordina ai governi europei misure economiche che tolgono speranza ad intere generazioni condannando i popoli del vecchio continente ad un impoverimento ormai cronico, di popolare conserva ben poco. Costruire l’Europa dei popoli, delle Nazioni e non quella delle banche e degli interessi finanziari: la sfida che attende chiunque rappresenterà l’Italia nel Parlamento Europeo sarà questa. E sarà necessario ripensare l’Euro, analizzando quanto la moneta unica serva all’Italia e quanto l’Italia serva alla moneta unica. Su queste basi, nessuno nel centrodestra , dia per scontate le alleanze; Fdi-An non sarà più disposta a giocare partite con il risultato già scritto attraverso scelte calate dall’alto: rifletta, a tal proposito, qualcuno anche in terra lucana e nella città di Potenza. Guardare al futuro con le idee di sempre: ripartiamo da qui. Invitiamo chi ci conosce, chi è affascinato dal nostro mondo, chi simpatizza per noi e chi semplicemente ha voglia di costruire un futuro diverso per l’Italia e per la Lucania ad unirsi a noi. Sarà un viaggio, per utilizzare le parole conclusive dell’intervento di Giorgia Meloni, che ci porterà molto lontano!

 

Canio Sinisi, Giovani lucani – Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale

Mer, 12/03/2014 - 09:51
Stampa