Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Lun, 23/01/2017 - 13:29
sei qui: Home > Cronaca > Smaltivano rifiuti in una discarica abusiva

Cronaca Potenza

PIGNOLA

Smaltivano rifiuti in una discarica abusiva

Denunciata un'intera famiglia. Trovati 600 metri cubi di immondizia

di Redazione Basilicata24

Smaltivano rifiuti in una discarica abusiva

Il sospetto dei carabinieri, vista la mole di materiale stoccata nel sito, è che ci siano rifiuti d'ogni genere.

I carabinieri della compagnia di Potenza, hanno denunciato sei persone, ritenute responsabili i di aver creato una discarica abusiva per materiali inerti di risulta di costruzioni edili, priva di qualsiasi tipo di autorizzazione di polizia e sanitaria. Ad insospettire i carabinieri della stazione di Pignola e’ stato un autocarro che, da un cantiere edile del posto, si era diretto  verso la contrada ove era ubicata la discarica abusiva. I carabinieri hann seguito per alcuni giorni l’autocarro che, quotidianamente continuava a fare il suo tragitto con il suo carico di rifiuti, salvo poi ritornare al cantiere completamente vuoto.Nei giorni scorsi sono pertanto scattati i controlli dei carabinieri, che hanno rilevato che il sito adibito a discarica, era gestito da una famiglia ed era stato interamente recintato nonché era stata costruita una pista carraia lunga 60mt e larga circa 10mt (idonea quindi al passaggio di autoarticolati anche di grosse dimensioni) che terminava in prossimita’ di un cava colma di rifiuti. Dalle prime stime si e’ potuto appurare che, già da diverso tempo, la famiglia, aveva intrapreso l’attivita’ di smaltimento illecito di rifiuti ed i periti, nominati per le verifiche del caso, hanno rilevato che l’area adibita alla raccolta dei rifiuti si estende per circa 600mq, ma il dato allarmante e’ che contiene circa 600 metri cubi di rifiuti, tali e tanti da non poter escludere che oltre a materiali di risulta edile vi siano stati illecitamente smaltiti anche rifiuti di qualsiasi genere. I sei, tutti appartenenti alla stessa famiglia, sono stati pertanto denunciati e l’intera area e’ ora sottoposta a sequestro in attesa delle verifiche del caso.  

Sab, 04/08/2012 - 14:05
Stampa